La Forra del Romotoi ed il Sentiero dei Papi
29 luglio 2018 – ore 7,00

Lorenzago di Cadore (m 883) poi: Gr. a): Parco dei Sogni – Imbocco Sent. Romotoi n. 358 (m 970) – Forra del Romotoi - Val Ciarnera – Forc. Stabie (m 1408) – Stabie (m 1373) - Passo Mauria (m 1298) (ore 6 ca - EE).
Gr.b): sent. dei Papi n. 336 – Residenza dei Papi – Fienili Stabière (m 1220) – Pupànego (m 1390) – Val de Palù (m 1396) – Stabie – Passo Mauria (ore 5 ca – E) N.B.:per Gr.a) necessario cordino e moschettone.
Coord.: Palese W. – Severin S. (016)

Ambedue i percorsi partono da Lorenzago (dove ci lascerà il pullman), presso il Parco dei sogni, in località Pesin, a circa 800 m dalla piazza principale del paese. Qui ci divideremo come segue:
Gruppo a): Comincerà il suo cammino su ampio sentiero pianeggiante ed immerso nel bosco silenzioso del Parco dei Sogni, per poi attraversare un ruscello ed, infine, dirigersi, in discesa, verso l’alveo del torrente Piova. Da qui, mantenendo la destra e seguendo le indicazioni sent. 358 Romotoi, salirà lungo una strada sterrata con pietre e ciotoli di grosse dimensioni. Dopo circa 700 m un bivio, sulla destra, indica Romotoi; si proseguirà così nel bosco, per circa 500 m, fino raggiungere il torrente che dà il nome alla forra. Un primo attraversamento del torrente, grazie ad una passerella, porta il sentiero in destra orografica, poi, il susseguirsi di attraversamenti destra sinistra, renderà il sentiero avventuroso. Il percorso si sviluppa, a volte, anche sulla roccia grazie ad ancoraggi e corde metalliche fissate saldamente. I passaggi più impegnativi sono facilmente percorribili grazie a gradini e scalette metalliche. Il sentiero attraversa, più e più volte, il torrentello, pertanto sarà necessaria una certa agilità, per non bagnarsi le scarpe ed i piedi. Giunti alla fine del canyon, il percorso continua nel bosco, fitto e ricco di vegetazione, dove la traccia resta, comunque, sempre ben visibile. Arrivati ad incrociare una strada boschiva ci si dirigerà a sinistra, percorrendo la mulattiera che porta in località Costa (m 1293). Dalla località Costa il sentiero 358 prosegue verso il Passo Mauria, passando prima alla forcella di Stabie (m 1408) attraverso un bosco molto suggestivo e incontaminato. Dalla forcella di Stabie, in breve, raggiungeremo la località Pian de Stabie (m 1373) dove troveremo ad attenderci gli amici del Gruppo b) che, sicuramente, l’avranno raggiunta prima di noi, per proseguire, tutti assieme, lungo l’ampia e pianeggiante mulattiera, che, in leggera discesa, ci porterà, in poco tempo, al Passo della Mauria (m 1298). Gruppo del Cridola.
Gruppo b): Lasciato il Gruppo a) salirà a destra, su rotabile asfaltata, per iniziare il “Sentiero papa Giovanni Paolo II” o “Sentiero del Papa” (sentiero CAI 336) che porta al Passo della Mauria; questo itinerario ripercorre i luoghi in cui Giovanni Paolo II passeggiava per ritemprare lo spirito durante i periodi di vacanza; alcune tabelle poste lungo il percorso propongono brevi, ma significative, riflessioni e meditazioni. Risaliremo fino alla tabella Tambar (1000 m) e, superato un primo bivio, si proseguirà a destra per giungere nei pressi del caratteristico Castello Mirabello (privato, non visitabile). Poco dopo troveremo la ex residenza dei papi Giovanni Paolo II e Benedetto XVI, con il sovrastante mistico luogo di preghiera, che merita una nostra sosta di riflessione. Riprendendo la salita si giungerà a fienile Averto (1072 m), proseguendo fino al bivio successivo (bivio per Pecosta, inizio del sentiero CAI 336a, che lasceremo alla nostra sinistra); qui si prenderà a destra, sempre su segnavia n. 336, continuando su ampia carrareccia, in leggera salita, fino a giungere in località Stabière (1220 m); proseguendo ancora, dopo aver superato un ruscello (il Rin della Pissa), il sentiero si fa più stretto ed, in breve, si giungerà ai fienili Ciaurutte (1262 m), dove si incontrerà un altro bivio; qui gireremo a sinistra (a destra inizia il sentiero Regina Pacis che, per altra, via porta al passo della Mauria). Si proseguirà in salita e, superato il tabià Croera (1390 m), si giungerà in breve a Pupenego; continuando, su tratto in costa, si giungerà al bivio in cui ci si ricollega con il sentiero CAI 336a; qui si proseguirà a destra, verso Stabie-Mauria, su ampia carrareccia nel bosco, fino a giungere a Val de Palù (1390 m); qui giunti alcune tabelle indicano una deviazione verso la “sorgente del Papa”. Si continuerà, invece, sulla carrareccia (ora indicata come sentiero 207 Stabie-Doana-Mauria) giungendo, in breve, a Stabie (1373 m) dove ci ricongiungeremo al Gruppo a) con il quale raggiungeremo Passo Mauria come sopra descritto.