Altopiano del Renon – Corno di Renon (E)
4 luglio 2021 – ore 6.30

Gr. a): Pemmern (m 1536) - Saltner Hutte (m 1664) -  Hunterhorn/Rifugio Corno di Sotto (m  2042) - Cima Corno del Renon (m 2259) – Sent. 2 - Hunterhorn - sentt. 1-4-7 - Pemmen (ore 6 ca.) Variante Gr.b): in funvia da Pemmern alla Cima Lago Nero/Schwarzsee (m 2071) - Hunterhorn
(m  2042) (15 min. ca.) poi come Gr a).
Coord.: Pellizzon N. - Precoma A.                          (034)

Introduzione:
Il Corno del Renon è noto per la bellissima vista panoramica sulle montagne e sulle vallate circostanti. Dalla sua cima, che emerge dietro la Città di Bolzano, si potrà ammirare il Grossglockner, gran parte delle Dolomiti, il Gruppo dell’Ortles e molto altro. Entrambi i percorsi non presentano alcuna difficoltà, salvo il non eccessivo dislivello che potrà fare il Gruppo a).
Itinerario Gr.a): la nostra escursione inizia a Pemmern (m 1536), dal parcheggio della funivia per la Cima Lago Nero. Da qui si prende il sentiero n. 1, che sale, prima, fino alla malga Saltner Hutte (m 1664), attraversando boschi, ampi prati e pendii soleggiati, per poi proseguire fino all’ Albergo Unterhorn (m 2042). Da qui, su sentiero lastricato si sale fino alla cima del Corno del Renon per godere del suo panorama mozzafiato (m 2259 – ore 2,30 ca.)
Itinerario Gr. b): Si sale con la funivia per salire agevolmente alla Cima Lago Nero (m 2071). Qui giunti si scende per facile sentiero fino all’Albergo Unterhorn (m 2042), per poi proseguire, come il Grippo a), fino alla Cima del Corno del Renon (m 2259). Fin qui circa un’oretta di cammino, con 200 m circa di dislivello.
Per il ritorno al parcheggio del pullman, fatta salva la possibilità, per chi non e la sentisse di proseguire a piedi, di ritornare a valle con la funivia, ci sono diverse, sempre facili, possibili varianti che, in un paio d’ore, poco più, poco meno ci faranno tornare a Pemmern. Valuteremo in loco quale, eventualmente scegliere.